Archivio News 2011 RICONOSCIMENTO AI GRUPPI MUSICALI 34

Giovedì, 24/01/2019

  • RICONOSCIMENTO AI GRUPPI MUSICALI
    uff. stampa
    Venerdì, 04/02/2011
    Il 18 gennaio il Comune di Cupello ha aderito all’iniziativa promossa dal Ministero dei Beni artistici e le attività culturali, convocando, in seduta straordinaria ed aperta, un Consiglio Comunale dedicato alla musica popolare e amatoriale dal 1861 ad oggi. L’iniziativa, in contemporanea con tutti i Comuni italiani aderenti, si inserisce all’interno delle celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia. Durante il Consiglio Comunale sono stati dati dei riconoscimenti come gruppi di interesse comunale a tutte quelle associazioni musicali e folkloristiche presenti ed operanti a Cupello, e precisamente alla banda cittadina “Città di Cupello”, al gruppo folk “La Fontana”, alla “Giovane Corale Cupellese” ed infine all’associazione musicale “Antonio Ricciardi”.
    Il Tavolo Nazionale per la promozione della Musica Popolare ed Amatoriale, infatti, istituito dal ministro Sandro Bondi il 4 marzo del 2010, ha riconosciuto che questi gruppi sono da una parte intesi come espressione culturale tipica dei nostri territori, dall’altro come bacini di aggregazione sociale e culturale che favoriscono relazioni tra diverse generazione, avvicinando un ampio pubblico alla fruizione della musica colta e valorizzano la ricca tradizione locale e regionale e le vocazioni presenti nel territorio Nazionale.
    La delibera di Consiglio Comunale, inviata entro il 30 gennaio 2011 al Ministero, offrirà ai gruppi riconosciuti di interesse comunale la possibilità di essere successivamente riconosciuti dal Consiglio dei Ministri quali Gruppi di Musica Popolare e Amatoriale di Interesse Nazionale. Inoltre tali gruppi potranno avere la possibilità di essere presenti con un proprio spazio al Museo delle Arti e delle Tradizioni di Roma per divulgare la propria attività.
    Il Sindaco Angelo Pollutri e l’assessore alla Cultura Federica Bruno spiegano di aver aderito all’iniziativa promossa dal Tavolo nazionale per dare risalto alle associazioni musicali e folkloristiche di Cupello, che da anni operano nel nostro Comune non solo per tramandare di generazione in generazione i canti popolari della nostra cultura contadina, ma anche per il loro impegno sociale. Inoltre non dobbiamo dimenticare quanto importanti siano le bande cittadine in un paese come il nostro, continuano il sindaco e l’assessore, per la divulgazione della musica e per la promozione culturale, nonché per la formazione dei ragazzi attraverso la scuola di musica. Riccardo Muti, noto direttore d’orchestra, infatti, ha più volte ribadito l’importanza delle bande e dei cori di paese: imparare a stare in un coro, in una banda, in un’orchestra significa imparare a stare in una società dove l’armonia nasce dalla differenza, dal contrappunto, dove il merito vince sul privilegio e il vantaggio di tutti coincide con il vantaggio dei singoli.
    L’Italia, lo sappiamo bene, non investe molto nella cultura, mentre invece dovrebbe essere proprio la cultura la colonna portante della vita pubblica e dell’economia. Tantè che Muti paragona il patrimonio culturale dell’Italia a dei boschi che ogni estate vengono bruciati. Soltanto, afferma Muti, qui il piromane è lo Stato.
    Di conseguenza le associazioni culturali di volontariato sono destinate a scomparire se non fosse per l’impegno di tanti uomini e donne di buona volontà che si autofinanziano e Amministrazioni coraggiose che sostengono questi gruppi con tutte le energie e le risorse che possiedono.


    Il Sindaco
    Angelo Pollutri

    L’Assessore alla Cultura
    Federica Bruno